Incontro previo del CPP rinnovato


[1]«Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. [2]Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. [3]Voi siete gia mondi, per la parola che vi ho annunziato. [4]Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. [5]Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. [6]Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano. [7]Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. [8]In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli. [9]Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. [10]Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. [11]Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. [12]Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. [13]Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici… [16]Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. [17]Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri. … [26]Quando verrà il Consolatore che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli mi renderà testimonianza; [27]e anche voi mi renderete testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio.  (Gv 15)


La Chiesa è un popolo in comunione.

La Chiesa è un popolo in missione.

La Chiesa è un Popolo in cammino di santificazione.

NOI siamo questo popolo   (NMI 43)


La nostra parrocchia riesce ad essere questa Chiesa?

A che punto siamo nell’accoglienza e nell’annuncio del Vangelo?

I battezzati della nostra parrocchia si sentono comunità cristiana, siamo Chiesa?

  1. Che testimonianza danno i Cristiani nel mondo di oggi?


Vedi nota pastorale “Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia” n.1

L’impegno nel ricercare la risposta a queste domande è il contenuto della “pastorale”, è ciò che motiva la presenza dei laici nel CPP ed è ciò che ci sprona a lavorare per la realizzazione un Progetto Pastorale parrocchiale di evangelizzazione.


Il Concilio e il Sinodo Diocesano individuano per il CPP i seguenti compiti:

-essere segno di una “comunità sinodale” costruendo fraternità e comunione;

-discernere scelte e decisioni pastorali per partecipare alla costruzione del Regno di Dio;

-formare alla partecipazione attiva e corresponsabile nella vita della comunità;

-superare una pastorale improvvisata pensando e camminando con un progetto pastorale.


Per far essere il CPP vera anima della comunità cristiana è necessario che abbia:

-una Segreteria;

-un “Gruppo di base” che imposta il lavoro pastorale da elaborare nel CPP al completo;

-un calendario annuale dei momenti formativi e dei momenti di lavoro pastorale;

-trovare tempi e modi per parlare a tutta la comunità, evitando di lavorare da soli.

 

CATECHESI